Indicatore di trading CCI

L’indicatore di trading CCI è uno dei migliori alleati che un investitore ha a sua disposizione: appartiene alla famiglia degli indicatori leading, ovvero degli indicatori che permettono di identificare i punti di inversione.

Sono detti indicatori leading proprio in quanto permettono di entrare nel mercato con il giusto tempismo e si presentano con una formula normalizzata, ovvero delimitata da valori ben precisi.

Si tratta di strumenti estremamente popolari che sono messi a disposizione da tutte le maggiori piattaforme di trading online e che permettono di aiutare a realizzare l’analisi tecnica, individuando precise caratteristiche di un titolo dal suo grafico.

Ecco un pratico elenco di piattaforme che offrono l’indicatore CCI da usare direttamente su grafico, una delle migliori è certamente XTB, broker pluri-premiato per la sua piattaforma xStation 5:

BROKER TRADING ONLINE RACCOMANDATI

BROKER TRADING ONLINE RACCOMANDATI

xtb broker trading
Deposito: N.A.
Vantaggi: Academy + Strategie + Whatsapp + LiveClass
ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Capitale a rischio.

BROKER TRADING ONLINE RACCOMANDATI

24option-logo
Deposito: €100
Vantaggi: Manuale Trader + Segnali + Kit professionale
ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Capitale a rischio.

broker-forex-etoro
Deposito: €200
Vantaggi: Social trading + Copy Portafolios + Azioni 0 commissioni
ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Capitale a rischio.

24option-logo
Deposito: €10
Vantaggi: Opzioni Forex, Digitali + Conto VIP + Formazione
ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Capitale a rischio.

SCOPRI TUTTI I MIGLIORI BROKERS

logo-broker-marketscom
Deposito: €100
Vantaggi: Spreads ridotti + Strumenti avanzati + Analisi
ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Capitale a rischio.

broker-forex-plus500-1
Deposito: €100
Vantaggi: Senza commissioni + Criptovalute + Spreads stretti
ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Capitale a rischio.

Cos’è l’indicatore CCI?

L’indicatore CCI (Commodity Channel Index) è stato sviluppato da Donald Lambert. L’oscillatore CCI mette in relazione il prezzo di un asset con la media dei prezzi in un arco temporale ben determinato.

Solitamente il CCI viene impiegato su un arco temporale di 20 giorni, andando a quantificare il rapporto tra la media mobile e il prezzo dell’asset.

Il calcolo viene svolto in automatico dalla piattaforma in base al periodo impostato dal trader. Il comportamento dell’indicatore CCI è tale che maggiore sarà il periodo scelto e meno l’indicatore si sposterà fuori dall’arco dei valori +100/-100.

Indicatore di trading CCI sulla piattaforma XTB

Nell’immagine puoi vedere un esempio di indicatore CCI di uno dei titoli più scambiati sul mercato Forex, la coppia EUR/USD.

La piattaforma a cui ci siamo affidati per fare questa operazione è XTB (visita qui il sito ufficiale del broker), una delle migliori piattaforme in circolazione e sicuramente quella che consigliamo per sfruttare al massimo le potenzialità degli indicatori CCI.

Il periodo che abbiamo selezionato è quello delle 4 ore: ad ogni candela del grafico, riportato sopra in piccolo, corrispondono sessioni di trading di 4 ore. Potete selezionare il periodo che meglio desiderate:

  • 1 minuto;
  • 5 minuti;
  • Giornaliero;
  • Settimanale;
  • Mensile, etc.

Come ti abbiamo detto, impostando un periodo più lungo, le oscillazioni dell’indicatore CCI saranno sempre più contenute entro le cinque linee limite più importanti, quelle del +200, +100, 0, -100, -200.

Ti proponiamo un esempio pratico: ecco lo stesso asset con un periodo impostato invece che a 4 ore, ad un mese.

Abbiamo impostato il CCI indicator sulla piattaforma XTB

Come potrai vedere le oscillazioni sono molto più contenute e ciò che viene mostrato è in generale il trend sul lungo periodo, utile ad analizzare il titolo ma meno preciso per quel che riguarda l’immediata operatività.

Prova ora a fare analisi con XTB (deposito minimo solo 100€)

Indicatore CCI: il significato delle linee

I valori indicativi dell’oscillatore CCI, come ti abbiamo detto, sono 5.

La linea dello zero divide il grafico in due zone fondamentali, quella dei compratori (sopra lo zero) e quella dei venditori (sotto lo zero).

Ciò significa che non appena l’indicatore supera la soglia dello 0, scatta il segnale di acquisto, in quanto il rapporto tra il prezzo dell’asset e la media mobile è positivo.

Segnale dell’indicatore CCI

Sopra lo zero, l’asset è di interesse per i compratori e si presuppone un’inversione positiva del trend.

Iper-comprato e più che iper-comprato

La linea del +100 indica che il titolo è attualmente iper-comprato, ovvero che ha superato la prova della zona intermedia: gli investitori interpretano il superamento della linea del +100 come un chiaro segnale di acquisto.

Sopra la linea del +100, un altro traguardo fondamentale è quella del +200, chiaro segnale del fatto che il titolo è più che iper-comprato. Si tratta di una situazione di eccesso particolarmente utile in quanto annuncia un’inversione del trend che può essere opportunamente sfruttata a proprio vantaggio.

Come puoi vedere dall’esempio sopra, il superamento della linea del +200 non è una condizione che può interessare un titolo per un periodo lungo di termine ma che può rivelarsi particolarmente fruttuosa.

Acquistando un titolo in occasione del superamento della linea del +100, una volta che questo ha oltrepassato la linea del +200 significa che il prezzo ha superato di gran lunga la media mobile, e che il titolo è in piena crescita, pronto a rimbalzare sulla linea di Resistenza.

Detto altrimenti, la soglia del +200 è utile a comprendere, come la soglia zero, i limiti di un’inversione di tenenza del trend. Sempre dal grafico di XTB puoi vedere che al superamento della linea dei +200 dell’indicatore CCI corrispondono successivamente delle fasi ribassiste.

Devi tener sempre presente, tuttavia, che l’indicatore CCI serve a rapportare il prezzo dell’asset con la media mobile, per visualizzare graficamente la tendenza degli investitori: non sempre e non necessariamente, come puoi vedere, ad un ribasso dell’indicatore corrisponde un ribasso del valore del titolo.

Iper-venduto e più che iper-venduto

La linea del -100, proseguendo, indica che il titolo è iper-venduto, ovvero che la maggior parte degli investitori sta eseguendo operazioni di vendita.

Come per il +100, anche il -100 è indice del fatto che il titolo ha superato la fase di incertezza sottostante alla linea dello zero, e che si tratta di un asset da vendere.

Abbiamo usato per la nostra analisi l’ottima piattaforma xtb

Modificando il periodo a 1 giorno, ti appare evidente come, in occasione del periodo tra il 24 settembre 2019 e il 2 ottobre dello stesso anno, il titolo EUR/USD sia stato in fase di iper-venduto.

In questa fase, indipendentemente dalla chiusura positiva del 27 settembre e del 1 ottobre, gli investitori abbiano venduto l’asset.

Parimenti, la linea del -200 indica un titolo più che iper-venduto, ovvero una fase in cui la vendita del titolo è all’apice e si prospetta il momento migliore per completare i propri investimenti in quanto, seppur l’asset può continuare a mantenere un trend ribassista, l’inversione di tendenza è alle porte.

Simili analisi con iper-comprato e iper-venduto si possono fare anche con indicatori come MACD o RSI, di cui abbiamo approntato apposite guide.

Come si calcola l’Indicatore CCI

Il calcolo dell’indicatore CCI obbedisce alla seguente formula:

CCI=(TP-SMATP)/(0.015*Deviazione media)

Per quanto si tratti di un valore che le migliori piattaforme di trading, come XTB, offrono automaticamente agli utenti registrati, capire come funziona il calcolo del Commodity Channel Index può rivelarsi particolarmente utile se vuoi capire meglio quali sono i dati presi in considerazione e a cosa fa effettivamente riferimento.

Ti ribadiamo ancora una volta che non è affatto necessario essere in grado di calcolare autonomamente il CCI, specialmente quando vi sono softwares appositi che possono farlo al posto tuo, impiegando un infinitesimo del tempo e senza esporsi alla possibilità di commettere errori nel mentre.

Senza ulteriori indugi, spieghiamo ogni singolo elemento del calcolo:

  • TP indica il Typical Price, ovvero il prezzo medio di un asset durante una giornata di operatività. Il Typical Price si calcola sommando prezzo minimo (L), prezzo di chiusura (C) e prezzo massimo (H) registrato dallo stesso titolo, dividendo poi la somma per tre. TP=(H+L+C)/3;
  • SMATP, ovvero la media mobile semplice dei prezzi tipici, che si ottiene prendendo i prezzi tipici di un titolo in un determinato periodo e calcolando la media aritmetica;
  • 0.015 è la costante individuata da Lambert pensata in modo da poter fare in modo che la maggior parte dei valori (70-80%) rientrino nei parametri di +100 e -100. Ovviamente, come abbiamo detto in precedenza, se un titolo sfora le linee di +o- 100, si tratta di una situazione di mercato particolarmente utile per elaborare strategie sul lungo o sul breve periodo, rispettivamente se si decide di andare long o short;
  • Deviazione media, si tratta di un indice di dispersione ottenuto calcolando la media aritmetica, in questo caso del TP, ed estraendone la radice quadrata. In questo modo si ottiene il valore della varianza della media aritmetica. Questo valore, altrimenti detto volatilità, permette di ricevere, infine, un valore quanto più attendibile possibile.

Il risultato finale è l’indicatore CCI, uno strumento assolutamente indispensabile per realizzare una analisi tecnica di qualità, che ti possa permettere di ottenere i dati indispensabili a sapere precisamente come investire su di un titolo in un dato momento.

La semplicità dell’indicatore CCI

Non farti spaventare da quanto ti abbiamo introdotto finora: il CCI è un indicatore di trading particolarmente semplice da usare. Quanto ti abbiamo esposto in questa guida è sufficiente a trarre le informazioni principali riguardanti questo preziosissimo oscillatore.

D’altro canto, tuttavia, perché si tratta di un indicatore semplice non vuol dire che sia universalmente valido: trattandosi di una curva derivata dall’elaborazione di alcuni dati particolari, il CCI è una valida sintesi del sentiment di mercato e dei volumi che riguardano un dato titolo, da quale atteggiamento prevale tra gli investitori.

La sua semplicità sta nel fatto che è di facile lettura e che è elaborato stesso dalla piattaforma, in questo caso il broker XTB.

Questo non vuol dire che si tratta dell’unico segnale degno d nota, motivo per cui nelle nostre guide te ne presenteremo altri non meno importanti per la tua analisi tecnica.

Investire con CCI e gestione del rischio

Trattandosi di un indicatore algoritmico, il CCI a volte può essere soggetto a falsi segnali.

Non si tratta di un errore volontario ma di un calcolo eseguito correttamente che tuttavia non si rivela adatto al tipo di investimento e alla lettura adeguata di quel titolo in quel determinato momento.

Stesso osservando i grafici della piattaforma XTB, come quello sottostane, avrai sicuramente potuto notare che in alcuni casi la curva del CCI non corrisponde a pieno alla curva delle quotazioni della coppia EUR/USD.

Nello screen che ti proponiamo, ad esempio, puoi osservare un calo del rapporto tra il prezzo e la media mobile a fronte di una continua crescita del prezzo dell’asset. Da un lato questo significa che dovrai far riferimento anche ad altri indicatori, e, più in generale, che ti risulteranno utili due altri strumenti: il Take Profit e lo Stop Loss.

Sia XTB, sia la piattaforma eToro, sia il broker 24option, di cui ti parleremo a breve, ti mettono a disposizione questi due importanti strumenti, il primo complementare al secondo ed entrambi utili a contenere i rischi del tuo investimento.

Ammettiamo, ad esempio, che sei disposto a perdere un massimo del 3,5% del tuo capitale: in questo caso imposti la funzione di Stop Loss automatico affinché rispecchi esattamente questo tipo di perdita.

In questo modo, non appena l’asset raggiungerà quella quotazione, l’investimento si chiuderà automaticamente, anche se sei lontano dallo schermo.

Parimenti, con il Take Profit: se hai valutato che le quotazioni di un titolo possono raggiungere un determinato valore, ma sei incerto sul comportamento dell’asset una volta superato quello stesso valore.

Il Take Profit ti permetterà di chiudere in automatico la posizione non appena raggiunto quel livello di valore, anche se sei lontano dallo schermo.

In questo modo, anche se quel valore viene superato, per poi crollare repentinamente, avrai comunque registrato il profitto previsto senza rischiare il fallimento dell’intero investimento.

Detto questo, sappi che l’indicatore CCI è ritenuto affidabile proprio in quanto la maggior parte delle volte permette di realizzare previsioni attendibili sul titolo e che raramente produce falsi segnali: piuttosto va a volte integrato con altri indicatori (Supporti e resistenze, Onde di Elliot, etc.), tutte cose di cui parleremo in altra sede.

XTB e le alternative alla piattaforma

Ti abbiamo mostrato finora screenshot dei grafici di XTB: si tratta di una piattaforma affidabile, autorizzata ad operare in Europa dalla CySEC e riconosciuta dalla ESMA (European Security and Markets Authority).

Il vantaggio di operare con XTB risiede nel fatto che avrai a tua disposizione grafici aggiornati in tempo reale e una miriade di indicatori e oscillatori a cui poterti riferire, non solo il CCI.

Il broker, inoltre, non solo non ti richiede commissioni, ma ti permette di fruire di:

Iscriviti ora a XTB, deposito minimo 100€ e servizi esclusivi.

Se, tuttavia, nonostante tutto non ti va giù l’idea di far da te l’analisi tecnica di un titolo, ti vengono comunque in soccorso due piattaforme che ti semplificano il lavoro:

24option e i segnali di trading

I segnali di trading di 24Option sono tra i migliori presenti sul mercato: elaborati da una delle maggiori compagnie di analisi finanziaria al mondo, la Faunus Analytics.

Si tratta di analisi già pronte all’uso, realizzate da professionisti nel settore, che ti vengono comunicate quotidianamente ogni giorno tramite messaggistica, sulla piattaforma stessa, tramite e-mail o sul tuo smartphone.

Iscriviti a 24option, clicca qui.

eToro e il Trading Automatico

Il vantaggio della piattaforma di eToro sta nel fatto che ti permette, grazie al Social Trading, di copiare gli investimenti di un trader professionista.

Piuttosto che elaborare una tua strategia di investimenti, eToro ti permette di bypassare completamente il problema.

Copiando gli investimenti di un altro trader potresti ricavare profitti proporzionali ai suoi, in base alla quantità di denaro investita.

Prova il Copy Trading, semplice e gratuito.

In conclusione sull’indicatore indicatore CCI

Molti parlano del trading online come se fosse una qualche tipo di scommessa: piuttosto che giocarsi i soldi alle slot o a poker, si dedicano al trading online!

Investire sul trading online come se si trattasse di una slot machine è semplice: basta non conoscere nulla. Gli elementi ci sono tutti: linee che si muovono, colori, linee che si aggiungono e strane forme geometriche. Sai qual è lo svantaggio di questo atteggiamento?

Così facendo non solo perderai tutti i soldi, ma, soprattutto, a fine giornata ti tormenterai chiedendoti come ciò sia potuto accadere o maledicendo la fortuna.

La linea di demarcazione tra il trading online e il gioco d’azzardo sono proprio gli indicatori come il CCI: come hai potuto constatare leggendo la nostra guida, si tratta di calcoli complessi, che alla loro base hanno una logica ferrea e un rigido rigore.

Se vuoi investire e non perdere il tuo denaro, allora indicatori come il CCI e un atteggiamento diverso nei confronti del trading online sono la base di partenza necessaria.

Se dovessimo fare un paragone, piuttosto che con il gioco d’azzardo, potremmo dire che il trading online è un po’ come gli scacchi.

Per riuscire ad avere successo è necessario conoscere le regole, le mosse possibili, disegnare linee invisibili sulla scacchiera che ti indicano la strategia vincente e poi, solo poi, effettuare la mossa.

Con l’indicatore CCI, non pochi investitori sono arrivati a pronunciare la sentenza definitiva, quella che ogni giocatore non vede l’ora di annunciare e che teme di sentire: Checkmate!

Vuoi conoscere altri indicatori o hai dubbi su come fare trading? Non perdere altro tempo, contattaci!

Facebook: Pagina Ufficiale Guidatradingonline.net

eMail: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guidatradingonline.net © 2016-2019 Guidatradingonline.net - Guida completa per imparare a fare trading online.