Trading online tasse

trading-online-tasseUno degli argomenti più trascurati, per ovvie ragioni, da chi fa trading online è quello relativo alla tassazione del settore. Se da una parte non si vede l’ora di iniziare per vedere i profitti che si riescono ad incamerare nessuno si preoccupa mai di controllare come, quando e dove bisogna pagare le tasse allo stato. Questo d’altronde è un “problema” che tutti vorrebbero avere, perché se devi pagare vuol dire che fai reddito, quindi è comunque una buona notizia.

Forse non ci si interessa di questo tema per il semplice fatto che uno non è al corrente di quello che significa fare trading online e dei guadagni che si possono fare e per questo motivo molti principianti si trovano impreparati nel momento in cui vedono il loro conto crescere a ritmo costante e poi non sanno come regolarsi, correndo il rischio di multe salate da parte delle autorità.

Fare trading online può davvero sorprendere per i guadagni che puoi portare a casa a prescindere dal fatto che tu utilizzi le opzioni binarie o i contratti per differenza per fare investimenti sui mercati finanziari. Purtroppo non tutto quello che riesci a guadagnare grazie alla tua abilità ti spetta di diritto, non puoi davvero tenere tutto per te altrimenti, come tutti gli altri rientreresti subito in una famigerata categoria: quella dell’evasore fiscale!

BROKER TRADING ONLINE RACCOMANDATI

logo-broker-marketscomDeposito: €100
Vantaggi: Spreads ridotti + Trend traders + Criptovalute
Conto demo Markets.com
Recensione Markets.com
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!
trade.com broker tradingDeposito: €100
Vantaggi: Omaggio 25€ + Formazione + Criptovalute
Conto demo Trade.com
Recensione Trade.com
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!
broker-forex-etoroDeposito: €200
Vantaggi: Social trading + Copy fund + Criptovalute
Conto demo eToro
Recensione eToro
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!
broker-forex-plus500-1Deposito: €100
Vantaggi: 0 commissioni + Criptovalute + spreads stretti
Conto demo Plus500
Recensione Plus500
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!
24option-logoDeposito: €10
Vantaggi: Opzioni classiche, digitali + VIP + Criptovalute
Conto demo IQ Option
Recensione IQ Option
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!
24option-logoDeposito: €100
Vantaggi: Metatrader 4 + Trading central + Segnali
Conto demo 24option
Recensione 24option
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!
logo-bdswissDeposito: €50
Vantaggi: Webinars + Copytrading
Conto demo BDSwiss
Recensione BDswiss
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!

Ogni attività che contempla l’acquisizione di redditi e che porta a plusvalenze è soggetta a tassazione ed il trading online in tal senso non fa eccezione trattandosi tra l’altro di una delle attività che porta i maggiori introiti in assoluto, specie se si fanno paragoni con gli altri business che si possono trovare online al giorno d’oggi. Tu comunque non preoccuparti perché sei nel posto giusto, qui ti parliamo di tutto ciò che riguarda la tassazione del trading online in modo chiaro e preciso in modo tale che tu non possa mai trovarti in difetto.

Trading online tasse convenienti

La fortuna è che le tasse nel trading online sono soggette ad un regime leggermente diverso e più vantaggioso rispetto a quello che accade per altre attività, nell’elenco seguente cerchiamo di capire come questo accade e quali sono gli aspetti positivi che puoi sfruttare diventando un “impiegato” nel mondo del trading online.

  • Chi fa trading online non paga tasse alte come quelle degli altri, infatti la pressione fiscale su questo business è nettamente inferiore!
  • Chi fa trading online non è soggetto al pagamento di commissioni o tassazione fissa da pagare a scadenze ben precise e prestabilite.
  • Chi fa trading online deve pagare le tasse soltanto se ha fatto realmente dei profitti altrimenti non c’è nulla da pagare.
  • Se fai trading online inoltre non ci sono lungaggini ed obblighi burocratici di alcun tipo, come ad esempio non devi dotarti di una partita iva e non devi versare i contributi inps e molto altro ancora.

Insomma da questi 4 punti che abbiamo colto appare subito evidente come fare trading online possa addirittura suscitare invidia per chi è costretto a pagare normalmente le tasse, i traders possono essere visti quasi come dei privilegiati specie in questo momento di crisi molto forte dove pagare le tasse è diventato un enorme problema per tutti. Ma ora scendiamo nei dettagli e cerchiamo di vedere più da vicino come funziona la tassazione del trading online.

Come si calcolano le imposte?

Ribadiamo subito il concetto che se fai redditi legati all’attività di investimento sui mercati finanziari devi pagare una certa cifra soltanto se arrivi concretamente a guadagnare qualcosa: ossia se si riceve una “plusvalenza” dalla propria attività di investimento. Se ad esempio nell’anno solare fai un versamento sul tuo conto di 100 € e riesci, con i tuoi investimenti a portare il totale sul tuo conto a 2000 € ciò significa che hai realizzato una plusvalenza del valore di 1900 €.

Questo è un guadagno reale e tangibile che hai ottenuto un vero guadagno facendo trading, e sarà proprio su questa cifra che poi verrà calcolata l’aliquota per il pagamento delle imposte, sempre perché i 100 € versati inizialmente non erano profitto ma denaro investito di tasca tua. Se invece di fare profitti, come può capitare, si registrano soltanto perdite non si deve pagare assolutamente nulla, ma è bene tenere conto anche delle “minusvalenze” perché questo potrebbe rivelarsi un ulteriore grande vantaggio come stai per scoprire.

INIZIA LA TUA ATTIVITA’ DI TRADING ONLINE CON PLUS500 CON SPREADS BASSI

APRI UN CONTO SU PLUS500!

+++ CONTO DEMO + FORMAZIONE + ZERO COMMISSIONI APPLICATE +++

Il tuo capitale è a rischio.

Per spiegare meglio il concetto vogliamo parlare del mercato forex Forex, questa è una tipologia di mercato e di investimenti può portare all’apertura di posizioni di trading che possono restare aperte per lunghi periodi di tempo, a volte addirittura anni. Procediamo ora con un esempio realistico per capire meglio quali posizioni alla fine bisognerà conteggiare per procedere al pagamento delle tasse.

A conti fatti all’interno della tua dichiarazione dei redditi annuale devono rientrare soltanto le operazioni che sono state chiuse nell’arco dell’anno ovvero se viene aperta una posizione il 4 marzo e poi la chiudi il 10 maggio perché è ora di riscuotere i profitti che hai accumulato in quei mesi dello stesso anno, tale operazione va conteggiata, ma se si apre una posizione il 15 dicembre ed essa viene chiusa il 5 febbraio dell’anno successivo essa non deve essere messa in conto per la dichiarazione dei redditi dell’anno precedente, ma varrà per l’anno successivo.

Cosa fare con le minusvalenze

Se fai trading online nella tua dichiarazione dei redditi devi sempre e comunque farne menzione sia che tu chiuda l’anno con una minusvalenza, e quindi in perdita, sia con una plusvalenza. Questo fatto è molto importante perché se viene dichiarata una minusvalenza, ovvero se ti è capitato di perdere ad esempio 100 € nell’anno precedente, se alla fine dell’anno in corso si riesci ad ottenere una plusvalenza di 200 € è possibile, per il contribuente che deve pagare le tasse, andare a sottrarre la minusvalenza dell’anno precedente alla plusvalenza della dichiarazione dei redditi in corso, quindi l’imponibile andrà versato soltanto sulla base di 100 € e non sul totale dei 200 € guadagnati!

Si tratta di un espediente davvero importante di cui tenere conto perché ti permette di risparmiare molto denaro se purtroppo le cose non sono andate per il meglio nell’anno precedente, di conseguenza va da se che un simile provvedimento è fondamentale per un principiante. Quindi è possibile diminuire di molto il totale da pagare con le minusvalenze sostenute in anni precedenti fino ad un massimo di 4 anni a venire. Ciò significa che se il totale delle minusvalenze è stato nel corso degli anni di 500 € e la plusvalenza dell’anno in corso è stata di 500 €  il totale da versare come tasse sarà di zero euro.

INVESTI ONLINE SUI CFDS E IL SOCIAL TRADING ETORO

FAI TRADING ONLINE COPIANDO I TRADERS MIGLIORI PRESENTI SU ETORO

APRI UN CONTO SU ETORO

+++ CONTO DEMO + FORMAZIONE E ETORO COPY FUND INCLUSI – TRADING CRIPTOVALUTE DISPONIBILE +++

Certo noi non ti auguriamo che si verifichi una situazione simile, ma intanto ricordati che la legge è questa per ogni evenienza. Infine ti ricordiamo che attualmente l’aliquota in vigore è del 26 % altro aspetto vantaggioso per chi fa trading online! Purtroppo nel tempo lo stato è andato aumentando questa quota che in passato era ancora più bassa e vantaggiosa ed aumentava soltanto al 12 e mezzo per cento. Quindi a conti fatti se la tua plusvalenza nel corso dell’anno è stata, per esempio, di 100 € tu devi pagare 26 € di tasse e non un centesimo di più, ed ovviamente ricordati di andare a togliere le minusvalenze degli anni precedenti se ti sono capitate.

Come si pagano le tasse?

tasse-trading-online-come-pagarePer procedere poi con il pagamento delle tasse da un punto di vista pratico esistono due modalità:

Ogni trader deve affidarsi ad un broker per fare trading online sarà il broker a fornire al trading una piattaforma per fare investimenti, un bonus iniziale per aumentare il suo capitale e molte altre agevolazioni. Tra le molte iniziative che i broker intraprendono in favore dei loro clienti c’è anche la possibilità di fare trading in regime amministrativo. Ciò significa che in questo caso è il broker stesso a preoccuparsi della tua situazione fiscale egli in questo caso svolge il ruolo cosiddetto di “sostituto d’imposta” ed è quindi autorizzato a versare direttamente lui i soldi nelle casse dello stato scaricando di ogni responsabilità il cliente.

L’altro caso è invece quello classico del regime dichiarativo dove il broker non ha alcuna responsabilità ed il dovere di pagare le tasse è demandato direttamente al trader. I broker in genere alla conclusione di una annata di negoziazioni ti inviano un report con tutte le operazioni da te effettuate e tutti i risultati ottenuti in base a questo documento quando fai la dichiarazione dei redditi dovrai riportare i dati che ti ha fornito i broker e ti sarà, dunque semplice fare i calcoli in base all’aliquota del 26 % per capire quello che devi versare.

Per fare la dichiarazione devi avvalerti dei classici documenti come il Modello Unico oppure il 730, nel caso in cui tu non ti senza abbastanza bravo con queste faccende ti basta contattare il un commercialista e sarà lui a darti tutte le indicazioni e le dritte del caso, non è necessario che egli sia esperto in materia di trading.

BROKER TRADING OPZIONI BINARIE REGOLAMENTATI

iqoption-logoDeposito: €10
Payout: 91%*
Conto demo IQ Option
Caratteristiche: Opzione classica + °Tornei + Formazione + VIP
Recensione IQ Option
Regolatore: CySEC

ISCRIVITI ORA!Vai al sito

Avvertenze sul rischio: Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. *Percentuale di ritorno in caso di previsione corretta. °Si applicano Termini e condizioni.


logo-bdswissDeposito: €50
Payout: 85%*
Conto demo BDSwiss
Caratteristiche: VIP + Formazione + Cfds/Forex
Recensione BDSwiss
Regolatore: CySEC
ISCRIVITI ORA!Vai al sito

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Average rating:  
 0 reviews

8 Comments

  1. 1

    Luca

    Due domande: investo su eToro. Quando o dove mi viene fornita la dichiarazione?
    Normalmente faccio 730. Sono obbligato a fare modello unico o posso fare il 730 + compilare unico solo per le plusvalenze del trading e pagare separatamente con F24 le tasse dovuto sempre per l’attività di trading?

    Grazie

    Reply
    1. 1.1

      Guidatradingonline.net

      salve, per quanto riguarda eventuali plusvalenze ottenute attraverso il trading online, deve provvedere a dichiararle attraverso modello unico, compilando l’apposita voce relativa. etoro, così come altri brokers, non funge da sostituito d’imposta. per ottenerne i risultati basta fare un report di tutte le attività di trading dal 1/1 al 31/12.

      saluti

      Reply
      1. 1.1.1

        Gianni

        Buonasera, in merito alla domanda di Luca, sempre utilizzando il broker eToro, se il rendiconto è in dollari, come bisogna fare la conversione in euro delle plusvalenze annuali dato che il valore dollaro euro cambia ogni giorno?
        Grazie

        Reply
        1. 1.1.1.1

          Guidatradingonline.net

          Salve, fa la conversione al 31 / 12, ma noi consigliamo sempre di impostare conti in euro presso le piattaforme di trading online sicure ed autorizzate come quelle presenti nelle tabelle esposte su guidatradingonline.net

          saluti

          Reply
  2. 2

    carlo

    Grazie per la guida, ma ho 2 dubbi:
    1) Se uno totalizza, poniamo caso 10 euro di guadagni in un anno ma al tempo stesso, ad esempio, 12 euro di commissioni, quindi il capitale finale sarà più basso del capitale iniziale messo sul conto del broker di 2 euro, bisogna comunque pagare le tasse sui 10 euro?
    2) Esiste un limite verso il basso per il quale non si deve dichiarare? Se in un anno si totalizza una plusvalenza di 1 euro o 5 euro o 10 euro, bisogna dichiararli?

    Reply
    1. 2.1

      Guidatradingonline.net

      Salve Carlo e grazie per averci scritto. Le pluvalenze sono tassate ad aliqota fissa al 26 %. Si parla solo di plusvalenze, dunque quando ottiene un gain rispetto al suo capitale iniziale investito.

      cordiali saluti

      Reply
  3. 3

    Massimo

    Buongiorno,

    leggendo un altro articolo su Internet ho trovato quanto segue:

    “In caso di regime dichiarativo, l’investitore riceve il capital gain al lordo delle imposte. Ciò significa che dovrà essere lui a calcolare e versare le imposte secondo le scadenze previste per la dichiarazione dei redditi. Lo strumento dovrà essere il metodo LIFO (last in first out = l’ultimo a entrare è il primo a uscire), determinando così sia il rendimento ottenuto che le imposte da versare.”

    Non riesco a capire questo metodo “LIFO”. Se opero con un conto in EURO e tutti i mei profitti/perdite e costi di rollover sono già conteggiati in EURO che cosa c’entra il LIFO? Non mi basta un report dettagliato del broker per fare la dichiarazione in modo corretto?

    Mi sapete aiutare? Grazie.

    Reply
    1. 3.1

      Guidatradingonline.net

      Salve Massimo e grazie per averci scritto. A tal guisa le consigliamo di approfondire l’argomento LIFO leggendo questa pagina : https://it.wikipedia.org/wiki/LIFO

      cordiali saluti

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

guida-trading-online-logo© 2016-2017 Guidatradingonline.net- Guida completa al trading online | Chi siamo | Contatti | Disclaimer