BREAKING NEWS

    Trading online Ethereum

    Ethereum è una delle criptovalute più attive sia sui mercati finanziari sia per quanto riguarda invece gli scambi tra chi usa questo tipo di valute innovative come mezzo di scambio. Tutti i migliori broker la propongono ed è giunto il momento, per te che vuoi fare trading online nel mondo delle criptovalute di saperne di più.

    Nella guida di oggi troverai un approfondimento a 360° su Ethereum: quali sono le sue caratteristiche? È una truffa? Possiamo davvero fidarci? Conviene investirci adesso? Quali sono le prospettive per il futuro?

    Vedremo insieme le risposte a questi e anche ad altri quesiti, in un vademecum per l’investitore che è attratto dai profitti che è possibile generare in questo settore.

    Se vuoi saperne di più su Ethereum, sei nel posto giusto, continua a leggere.

    Che cos’è Ethereum?

    Ethereum è una delle criptovalute meglio capitalizzate del settore. Esiste ormai da diversi anni e propone, rispetto a Bitcoin e anche rispetto ad altre criptovalute popolari, delle novità tecniche e di utilizzo di primissimo piano.

    Ethereum è qualcosa di più di una mera unità di scambio, di una valuta che può essere acquistata per comprare beni o servizi.

    L’intuizione è di Vitalik Buterin, uno dei più grandi geni della nostra epoca (no, non stiamo esagerando, e sarà chiaro più avanti nella trattazione il perché della nostra stima verso l’inventore di Ethereum) è di quelle che possono davvero cambiare il mondo.

    Partiamo però dal principio: Bitcoin ha dimostrato a tutti la grande duttilità e la grande utilità di blockchain, il sistema che è alla base di praticamente ogni tipo di criptovaluta, un sistema di autorizzazioni decentrato, che non ha più bisogno di autorità centrali per validare uno scambio. Il sistema blockchain però, per caratteristiche tecniche proprie, è in grado di gestire non solo lo scambio di valuta, ma anche altri tipi di servizi: l’intuizione di Vitalik Buterin è proprio questa: usare blockchain per validare dei contratti (smart contract) tra utenti.

    Se Bitcoin dunque ha rimosso la necessità di avere un sistema bancario per gli scambi di valori e di valuta, Ethereum si propone di eliminare tutti gli intermediari nell’applicazione di contratti complessi (pensiamo alle lettere di credito, e a tutti gli altri contratti “automatici” gestiti dalle banche in settore finanziario), ricorrendo ad un sistema che, pur essendo più complesso di Bitcoin, ne utilizza le stesse tecniche.

    Se i computer che aderiscono al network di Bitcoin mantengono esclusivamente la blockchain, quelli che partecipano alla rete Ethereum fanno anche girare quella che si chiama la Ethereum Virtual Machine, ovvero un supercomputer virtuale che si preoccupa di utilizzare potenza di calcolo per validare gli smart contract, ovvero dei contratti-codice che vengono inviati dagli utenti. L’esecuzione di questi contratti ha un prezzo (proprio come avviene per le transazioni generiche su Bitcoin), che è la retribuzione di chi partecipa alla rete. Le transazioni per gli smart contract si pagano in Ether, che è il “coin” del network Ethereum ed è quanto deve essere utilizzato per “pagare” la potenza di calcolo di cui abbiamo bisogno per l’esecuzione degli smart contract.

    Siamo dunque davanti ad un sistema ibrido, che non è un sistema di pagamento, ma piuttosto un network per l’esecuzione degli smart contract.

    Ethereum Grafico

    Anche Ethereum offre delle ottime possibilità di guadagno

    Cosa sono gli smart contract?

    Gli smart contract sono dei contratti specifici che sono scritti in un linguaggio di programmazione nato per Ethereum, chiamato Solidity. I contratti scritti in questo linguaggio sono caricati sulla blockchain di Ethereum e continueranno ad esistere sul ledger pubblico.

    La blockchain, come sa chi ha già utilizzato Bitcoin o altre criptovalute, è immutabile e diventa dunque garanzia del contenuto del contratto.

    Gli smart contract sono ad esecuzione automatica, andando ad eliminare quelli che sono i rischi di solvibilità delle parti coinvolte.

    Per dirla con le parole di Vitalik Buterin: “Gli smart contract in Ethereum non sono nella disponibilità delle parti, ovvero non c’è necessità di eseguire il contratto. Il contratto diventa un agente autonomo che si auto-esegue quando le condizioni incluse nel contratto si presentano.”

    Gli smart contract si possono utilizzare per regolare moltissime questioni: può essere il caso di transazioni molto semplici, come quelle dei derivati, dei futures, delle opzioni e delle opzioni binarie, oppure possono essere transazioni tra utenti, tra macchine e persone, per la gestione anche dei diritti d’autore.

    Facciamo un esempio pratico di utilizzo di smart contract con una assicurazione contro l’assenza di piogge, contratto tipico per chi svolge il mestiere di agricoltore a livello industriale:

    1. Si sceglie un evento e una misurazione, ad esempio le rilevazioni di pioggia caduta in una certa provincia da parte dell’Aeronautica Militare, immaginiamo sia di 10 mm
    2. Si ha la condizione principale: ovvero se l’assicurato ha versato il premio
    3. Al verificarsi dei punti 1 e 2, lo smart contract esegue e rilascia una quantità di denaro a favore dell’assicurato

    Un sistema del genere permette alle compagnie di assicurazione di vendere contratti standard la cui esecuzione è automatica e che non necessitano di negoziazione 1 a 1, eliminando la necessità di agenti e soprattutto limitando praticamente al minimo possibile i casi di controversie.

    L’impatto di Ethereum sull’economia potrebbe essere molto superiore a quello di Bitcoin

    A questo punto della nostra trattazione, dovrebbe essere evidente che l’impatto che Ethereum ha sull’economia reale è di portata ben più ampia rispetto a quello che ha e potrebbe avere Bitcoin, o qualunque altra criptovaluta attualmente scambiata sul mercato. Siamo davanti ad un utilizzo della tecnologia blockchain assolutamente innovativo, che elimina la necessità di ricorrere a tantissimi intermediari sia finanziari sia assicurativi.

    Questo rende Ethereum una criptovaluta assolutamente unica e estremamente interessante per chi vuole investire in quello che sarà davvero il futuro del mondo delle criptovalute.

    Ethereum è una truffa?

    No. Ethereum è uno dei circuito cripto più interessanti attualmente disponibili sia per gli utenti che per gli investitori. Il progetto è tra quelli capitalizzati in maniera più sostanziosa ed è ormai un player di punta nel settore delle criptovalute. Siamo davanti ad una criptovaluta che continuerà a dire la sua nel settore, anche in virtù del fatto che ha da offrire soluzioni tecniche che le altre criptovalute non possono offrire.

    Ethereum non è una truffa e non è uno schema piramidale.

    Come investire in Ethereum

    Per investire in Ethereum hai principalmente a disposizione due vie:

    • Puoi acquistare i coin su uno qualunque degli exchange che lo trattano, scambiandolo sia contro EUR o USD, oppure anche contro altre criptovalute
    • Puoi scegliere piattaforme broker che propongono tutte, tra quelle affidabili e che si occupano di criptovalute, investimenti anche in Ethereum

    Parleremo di seguito di entrambe le possibilità, tenendo conto dei vantaggi e degli svantaggi di ognuna delle due soluzioni.

    Investire in Ethereum tramite exchange

    Tutti i principali exchange che si occupano di criptovalute offrono anche la possibilità di scambiare a scopo speculativo Ethereum. Siamo davanti ad una delle criptovalute più popolari del settore e dunque non avrai problemi a trovarla anche sulla piattaforma exchange che preferisci.

    Chi ha però intenzione di investire in modo professionale in Ethereum, incontrerà purtroppo delle difficoltà di cui dovrà tenere conto prima di scegliere questo come metodo principale per investire in criptovalute:

    1. Le commissioni sono molto più alte di quelle proposte dalle piattaforme di broker; parliamo mediamente di commissioni su singola transazione che superano lo 0,25%. Sono commissioni decisamente troppo alte se vogliamo fare trading intraday e dunque cercare di intercettare quelle che sono le tendenze mutevoli anche all’interno di uno spazio temporale estremamente breve
    2. Gli exchange sono poco sicuri: detenendo una enorme quantità di criptovaluta sui loro server, sono uno degli obiettivi preferiti degli hacker. Sono stati diversi i casi di attacchi hacker ad exchange anche di grandi dimensioni, che hanno causato delle enormi perdite per chi aveva investito utilizzando quegli exchange
    3. Gli exchange non offrono strumenti per l’investimento professionale, come grafici avanzati, possibilità di ordini condizionali (stop loss, take profit, etc.)
    4. Gli exchange non offrono la possibilità di investire con vendite allo scoperto e dunque di andare a guadagnare anche quando Ethereum è in trend negativa

    La scelta dell’exchange deve essere dunque considerata come estremamente problematica, e dunque scartata, almeno a nostro modo di vedere le cose, a favore delle piattaforme broker.

    Investire in Ethereum tramite piattaforma broker

    Come abbiamo già detto in apertura, Ethereum è uno dei protagonisti di tutte le migliori piattaforme broker del mondo. Questo perché Ethereum si è da subito, sin dalla sua prima uscita, affermata come una delle criptovalute più interessanti e soprattutto meglio capitalizzate del settore.

    Perché investire tramite piattaforma broker

    Le piattaforme broker riescono ad offrire un contesto migliore per andare ad investire all’interno del settore delle criptovalute, questo perché:

    1. Offrono commissioni molto basse (che ammontano a pochi pip di spread, ovvero pochissimi centesimi per transazione)
    2. Offrono piattaforme tecnicamente adeguate, che permettono di analizzare i mercati in modo più approfondito
    3. Permettono di investire anche allo scoperto e quindi di guadagnare anche quando Ethereum sta perdendo
    4. Talvolta offrono anche la possibilità di operare al margine con leva finanziaria, e quindi di investire capitali virtualmente maggiori di quelli che si hanno effettivamente a disposizione

    In aggiunta, le piattaforme broker migliori offrono la possibilità di andare ad utilizzare account demo per testare le proprie strategie prima di impiegare capitali reali.

    Le piattaforme broker sono di gran lunga la migliore scelta per andare ad investire in Ethereum e anche nelle altre criptovalute.

    Quali sono i criteri per scegliere la piattaforma giusta per investire

    Ci sono diversi criteri che dobbiamo considerare per scegliere una piattaforma adeguata per gli investimenti in Ethereum:

    1. Presenza di autorizzazioni europee, come FCA o CySEC, che garantiscono la presenza di controlli approfonditi sulla solidità del broker
    2. Facilità di utilizzo: le piattaforme devono garantire un approccio professionale con interfacce facili da utilizzare
    3. Devono offrire la possibilità di vendere allo scoperto, dato che Ethereum, come le altre criptovalute, è molto volatile e dunque può essere sfruttato anche durante le fasi di trend negative

    Tenendo conto di questi criteri, abbiamo scelto per te le migliori piattaforme broker per andare ad investire in Ethereum. Le troverai di seguito, scelte dai nostri esperti.

    1. Investire in Ethereum con eToro

    Trading Ethereum su eToro

    eToro offre la possibilità di investire tramite una piattaforma che gode di autorizzazioni MiFID e che è da sempre attiva anche nel settore delle criptovalute. eToro offre la possibilità di scegliere da un portafoglio decisamente assortito di criptovalute e include Ethereum sin dai suoi esordi.

    In aggiunta, questo broker offre sia la possibilità di aprire un account demo gratuito, sia invece la possibilità di andare a investire puntando sul trend negativo di Ethereum. Per chi non ha esperienza, c’è anche la possibilità di copiare gli investimenti dei migliori utenti con un solo click, anche nel settore delle criptovalute.

    RECENSIONE ETORO APRI UN CONTO SU ETORO


    2. Investire in Ethereum con Plus500

    trading Etheruem su Plus500

    Plus500 è una delle piattaforme più interessanti per quanto riguarda gli investimenti in Ethereum e in criptovalute. Siamo davanti ad un broker solido, che offre, come nel caso di eToro, CFD per investire nel settore.

    Garantisce commissioni bassissime (pochissimi pip di spread tra BUY e SELL) e una piattaforma professionale per l’investimento in qualunque tipo di asset.

    Anche con Plus500 puoi aprire un account demo gratuito che ti permette di testare le tue strategie prima di investire capitale reale.

    RECENSIONE PLUS500 APRI UN CONTO SU PLUS500

    Plus500 è un broker CFD, il tuo capitale è a rischio


    3. Investire in Ethereum con 24option

    24option

    Trading Etheruem su 24option

    Anche 24option ha allargato la sua offerta alle principali criptovalute, includendo Ethereum come prodotto di punta insieme a Bitcoin. Facilità di utilizzo, immediatezza degli ordini e commissioni basse sono le caratteristiche che rendono questo broker apprezzatissimo tra i trader professionisti.

    RECENSIONE 24OPTION APRI UN CONTO SU 24OPTION


    4. Investire in Ethereum con IQ Option

    Trading Etheruem su IQ Option

    IQ Option è una piattaforma broker che tra le diverse opportunità offre anche la possibilità di accedere a CFD sulle migliori criptovalute. IQ Option offre una piattaforma semplice da utilizzare, che offre accesso a ordini condizionali e anche a vendite allo scoperto.

    Con IQ Option hai tutto quello di cui hai bisogno per andare a investire in Ethereum. Per aprire un conto reale su IQ Option basta effettuare un versamento di soli 10 euro. Altra nota a favore di questo broker, oltre che il conto demo gratis con saldo di 100.000 euro per imparare a fare trading sulle criptovalute ed altri assets, c’è senza dubbio il progetto OTN coin – distribuzione di token gratis ai suoi clienti traders di criptovalute. Clicca su: OTN coin – IQ Option per la nostra guida completa.

    RECENSIONE IQ OPTION APRI UN CONTO SU IQ OPTION


    5. Investi in Ethereum con Trade.com

    Trade.com è una delle migliori piattaforme broker, una delle più utilizzate sia da investitori alle prime armi, sia invece da chi è un trader professionista.

    Trade.com è autorizzato, come tutte le piattaforme che abbiamo presentato nella nostra guida, ad operare in Italia e in tutta Europa.

    Trade.com offre anche la possibilità di aprire un account demo gratuito per investire in criptovalute senza utilizzare capitale reale.

    Tra i fiori all’occhiello di questo broker spicca senza dubbio l’ampio pacchetto formativo gratuito messo a disposizione del cliente per aiutarlo ad imparare strategie efficaci di trading.

    RECENSIONE TRADE.COM APRI UN CONTO SU TRADE.COM


    6. Investi in Ethereum con BDSwiss

    BD Swiss

    Trading Etheruem su BDSwiss

    Il broker BDswiss, inizialmente tra i migliori brokers per investimenti binari, già da tempo ormai ha iniziato ad offrire un eccellente servizio di trading sui cfd che prende in considerazione anche le criptovalute più note, e quindi anche ethereum.

    Bdswiss applica spreds competitivi, regala un conto demo gratis a tutti i suoi clienti e mette a disposizione un conto trading senza commissioni.

    RECENSIONE BDSWISS APRI UN CONTO SU BDSWISS

    E tu hai già provato i servizi di trading di uno di questi validi brokers per investire in ethereum ? E se si, con quali esiti ? Lasciaci una recensione !

    Submit your review
    1
    2
    3
    4
    5
    Submit
         
    Cancel

    Create your own review

    Average rating:  
     0 reviews

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    guida-trading-online-logo© 2016-2017 Guidatradingonline.net- Guida completa al trading online | Chi siamo | Contatti | Disclaimer