Trading Caffè: Analisi, Previsioni e Quotazione

Il Trading Caffè è davvero così interessante come sembra? Per chi si chiede dove fare trading online deve sapere che il settore offre un’ampia gamma di mercati e assets su cui negoziare. Negli ultimi tempi, le materie prime si sono rivelate davvero proficue per numerose ragioni.

Attualmente, il caffè è sul podio delle commodities più scambiate dai traders, occupando il terzo posto, dopo il petrolio e l’oro.

Naturalmente, c’è bisogno di conoscere come si muove sul mercato e studiarne le caratteristiche principali per ottenere i risultati sperati da una materia prima fondamentale per la popolazione mondiale.

Fare trading online su CFD Caffè
Trading caffè, tra le soft commodities più scambiate

La guida proporrà un’attenta analisi del trading caffè, mettendo in evidenza quella che, attualmente, è la soluzione più adatta a trarre il meglio da una materia prima come questa: trading CFD.

Strumenti finanziari innovativi, constano di numerosi vantaggi che potrebbero semplificare il percorso di trading anche ai principianti.

Per rendere il tutto ancora più rapido e chiaro, la guida menzionerà anche le migliori piattaforme di trading a cui potersi affidare: Capital.com, eToro e Trade.com.

Intanto, ecco una tabella riassuntiva di quei broker che, attualmente, rivestono un ruolo di primaria importanza nel trading online:

BROKER TRADING ONLINE RACCOMANDATI
Licenza: CySEC

Dep. Min. €200
Recensione eToro
Saldo Demo: 100.000€
Esclusività: Social Trading
Inizia Gratis ➤ 62% of retail CFD accounts lose money.
Licenza: CySEC/FCA

Dep. Min. 100€
Recensione Capital.com
Saldo Demo: Illimitato
Esclusività: Intelligenza Artificiale
Inizia Gratis ➤ Capitale a Rischio.
Licenza: CYsec

Dep. Min. €100
Recensione Plus500
Saldo Demo: 100.000€
Esclusività: Spreads Stretti
Inizia Gratis ➤ Capitale a Rischio.
Licenza: CySEC

Dep. Min. €10
Recensione IQ Option
Saldo Demo: 10.000€
Esclusività: Community Trading
Inizia Gratis ➤ Capitale a rischio.
Licenza: CySEC

Dep. Min. 100€
Recensione Trade.com
Saldo Demo: 100.000€
Esclusività: Video/eBook Gratis
Inizia Gratis ➤ Capitale a rischio.

NOTA BENE: ogni broker citato durante questa guida è regolarmente autorizzato da apposite autorità di controllo a fornire i propri servizi online.

Inoltre, per un servizio completo e di qualità, ogni piattaforma consente di iniziare con un conto demo gratuito, così da far pratica a rischi zero.

Trading caffè: da dove iniziare?

Perché il Trading Caffè è così in voga negli ultimi tempi? La risposta è molto più intuitiva di quanto si possa pensare: inserire una commodity del genere nel proprio wallet è fonte di diversi vantaggi. 

La storia e la commercializzazione del caffè risale davvero all’antichità, quando s’iniziarono a scoprire le potenzialità ricavabili dai chicchi di questa pianta. 

Attualmente, oltre al consumo (ormai mondiale) di tale bevanda, tale materia prima occupa anche il settore energetico e quello del benessere.

Tuttavia, per quanto sia una soft commodity estremamente liquida, è anche soggetta a frequenti variazioni di prezzo. Questo significa che anche il caffè rientra tra gli assets di mercato estremamente volatili, soprattutto se analizzati su base giornaliera.

Per questa ragione, ti consigliamo subito di approfittare delle occasioni di mercato scegliendo una piattaforma professionale come: Capital.com, eToro o lo stesso Trade.com.

Infine, bisogna anche sapere che esistono due varietà di caffè: l’Arabica e la Robusta. Le negoziazioni presso gli USA riguardano la prima tipologia, prodotta in Brasile e maggiormente apprezzata anche dai consumatori.

In realtà, questa occupa il 70% della produzione globale di caffè, mentre la Robusta ne rappresenta il restante 30%.

Trading Caffè e CFD

L’opzione maggiormente utilizzata per accedere a mercati liquidi e volatili come quello delle materie prime riguarda l’uso di strumenti finanziari derivati come i CFD.

In termini semplici, si tratta dell’innovazione giusta per rendere il trading online un’attività accessibile anche a piccoli traders indipendenti.

I Contracts For Difference sono strumenti derivati che consentono di speculare su un asset senza possederlo direttamente. In tal modo, un trader potrà generare profitti dalle brusche oscillazioni di prezzo che il caffè riporta anche quotidianamente.

Inoltre, offrono anche l’opportunità di una più diretta esposizione ai mercati, potendo investire al rialzo, ma anche al ribasso. Anche in questo caso, non c’è bisogno di acquistare l’asset in questione: sarà sufficiente elaborare una corretta previsione di mercato.

In sintesi, è possibile riassumere i vantaggi dei CFD così:

  • Investire senza pagare commissioni;
  • Apertura di posizioni long o short;
  • Gestione autonoma del proprio capitale;
  • Trading al rialzo o al ribasso;
  • Uso della leva finanziaria.

Coloro che sono già a conoscenza di queste informazioni, possono passare subito a fare Trading Caffè con uno dei broker migliori sul mercato: eToro

Intanto, la guida proseguirà trattando delle migliori piattaforme CFD con cui potersi affermare nel mondo del trading e, con le giuste mosse, far fruttare i propri risparmi.

Trading Caffè: quale piattaforma usare?

Sappiamo che, purtroppo, il trading online implica un’attenta scelta del broker per evitare truffe e spiacevoli soprese.

Il modo più efficiente per ottimizzare il Trading Caffè è optare, nel caso di investitori europei, per broker ESMA, cioè che operano in conformità con le normative imposte sul territorio per tutelare i traders stessi.

Inoltre, le migliori piattaforme CFD risultano intuitive e prive di commissioni, cioè alla portata anche di principianti che non hanno alcuna familiarità con strumenti d’investimento del genere.

Si tratta di requisiti fondamentali a cui dover prestare necessariamente attenzione per vivere un’esperienza di trading positiva e, con il giusto impegno, anche remunerativa.

Per rendere il tutto più rapido, ecco una lista di quelle che rientrano tra le piattaforme migliori tra cui scegliere: Capital.com, eToro e Trade.com.

1. Capital.com

Capital.com (visita qui il sito ufficiale) è uno dei market maker più apprezzati da traders di tutto il mondo, per la qualità dei servizi offerti.

Prima di tutto, è bene sapere che la piattaforma è regolamentata CySEC con numero di licenza 319/17. Dunque, i traders europei possono stare tranquilli: il broker in questione è affidabile al 100%.

Capital.com propone una piattaforma di trading all’avanguardia e, al contempo, adatta sia a traders esperti che a neofiti. In più, offre condizioni di trading versatili con cui gestire a pieno il proprio piano. 

In effetti, i mercati e gli assets negoziabili su tale piattaforma sono numerosi e permettono un’ottima strategia di diversificazione. Naturalmente, il tutto senza dover pagare commissioni o costi di gestione.

Scopri il trading Forex con Capital.com.

La piattaforma è ricca di strumenti di cui usufruire per studiare, al meglio, i probabili scenari di mercato. In più, è presente una valida sezione didattica per sopperire alla mancanza di esperienza nel settore; il tutto verificabile iniziando da una simulazione gratuita e senza vincoli.

Apri un conto demo gratuito Capital.com.

2. eToro

eToro (visita qui il sito ufficiale) si è rivelato, con gli anni, un vero e proprio leader nel settore. Anche in questo caso, si tratta di una piattaforma regolamentata CySEC (licenza: 109/10) e CONSOB.

Oltre ad offrire servizi innovativi e esenti di commissioni, il broker in questione ha introdotto funzioni interessanti come il copy trading.

In termini semplici, è uno strumento col quale scegliere dei providers di mercato così che, le operazioni da loro effettuate, siano replicate automaticamente sul proprio profilo.

Iniziando come copy traders si potrà imparare osservando i migliori all’opera, nonché avere maggiori chances di registrare risultati da subito.

Copia i guru del trading di eToro.

I traders che necessitano della giusta pratica, o semplicemente preferiscono studiare la piattaforma prima di versare il proprio capitale, possono iniziare dal conto demo. 

Apri qui un conto demo eToro.

3. Trade.com

Un ultimo broker ben inserito nel trading online e utilizzato da traders di tutto il mondo è Trade.com (visita qui il sito ufficiale). Tale provider di mercato è legalmente autorizzato a fornire i propri servizi ai traders europei perché autorizzato CySEC, con numero di licenza 227/14.

La piattaforma offre un corso di formazione davvero utile per traders inesperti che tentano di fare un trading caffè consapevole e vincente.

Ottieni il pacchetto formativo Trade.com.

Trade.com è una piattaforma intuitiva, a zero commissioni e multi assets. Infatti, ti consigliamo di dare un’occhiata alle ulteriori offerte sulle principali commodities per arricchire il tuo piano di trading.

Fai trading sul petrolio con Trade.com.

Trading Caffè: perché evitare i Futures?

E’ chiaro che fare trading caffè implichi diverse scelte. Tra le più note in cui ci si potrebbe imbattere potrebbero esserci i Futures.

Proprio come i CFD menzionati pocanzi, i Futures s’impongono come dei contratti validi da stipulare esclusivamente su mercati regolamentati.

Bisogna, però specificare che si basano su previsioni future e il trader s’impegna a chiudere una posizione come stabilito col broker.

Ciò significa che bisogna sottostare ad una scadenza, i cui parametri di prezzo sono già stabiliti. In tal caso, è chiaro che non si potrà fare più Trading Caffè in maniera flessibile e seguendo l’andamento del mercato in tempo reale.

Infine, è bene sapere che i Futures implicano delle commissioni e dei costi che potrebbero risultare limitanti per traders che iniziano da piccoli capitali.

Per tale motivo, è chiaro che i CFD siano la soluzione migliore per poter operare focalizzandosi esclusivamente sul proprio obiettivo principale: ottenere rendimenti dalle negoziazioni sul caffè.

Inoltre gran parte delle strategie sulle materie prime contemplano l’impiego di strumenti flessibili come i CFD. In questo modo potrai sfruttare ampiamente metodi di investimento efficaci e comprovati per i tuoi trades.

Per non perdere alcuna offerta di mercato, ti consigliamo di iniziare subito a far pratica con un conto demo gratuito Capital.com.

Cosa influenza il prezzo del caffè?

Alla base di un trading online consapevole, con tutti i rischi calcolati, c’è lo studio di una corretta analisi fondamentale. Per questo motivo, è fondamentale conoscere quei fattori esterni che causano la volatilità giornaliera del caffè. 

Il modo migliore per restare aggiornati sulle principali news di mercato è affidarsi a broker professionali e regolamentati come eToro.

Prima di tutto, è naturale che il primo fattore da considerare quando ci si appresta a fare trading online sulle materie prime è la tipica legge di domanda/offerta. Nel momento in cui si registra una richiesta più elevata di chicchi di caffè in termini mondiali, il prezzo aumenta.

In tal senso, è bene considerare anche i livelli di produzione: il Paese principale da cui proviene il caffè Arabica è il Brasile.

Trading Caffè
Principali produttori di caffè nel mondo e incidenza sul PIL

Nel caso in cui si dovessero avere problemi a causa di costi troppo elevati o problemi climatici, il valore del caffè incrementerebbe per l’impossibilità di soddisfare la richiesta.

Infine, è bene sapere che il prezzo di questa soft commodity è quotato in dollari: quando la valuta statunitense si rafforza, anche il costo del caffè segue la medesima scia rialzista.

Caffè: andamento storico del prezzo

Un altro aspetto fondamentale per esser preparati ad accedere al proficuo ma volatile e instabile mercato delle commodities, riguarda l’elaborazione di una corretta analisi tecnica.

In questo caso, ci sarà bisogno di una piattaforma ricca di strumenti come eToro, così da avere a disposizione tutto il necessario per reagire ad eventuali e repentini cambiamenti di scenario.

Non è molto semplice delineare un percorso stabile del caffè sui mercati. Tuttavia, si ricorda un triennio poco positivo per tale materia prima, in cui ha toccato addirittura il minimo storico di 0,87$.

Fino al 2018, i ribassi sono stati più che evidenti: le quotazioni sono diminuite di circa il 19%.

Successivamente, seppur in maniera piuttosto lenta, il caffè sembra aver ripreso una tendenza rialzista, interessante soprattutto sul breve termine.

Bisogna considerare che il mercato del caffè è in piena espansione: gli Stati Uniti, ad esempio, sono il principale importatore di questa materia prima, la quale rappresenta l’1,6% del PIL del Paese.

Dunque, è un bene che gioca un ruolo di principale importanza in tutto il mondo, anche se estremamente volatile e suscettibile a molteplici variazioni.

Trading caffè: quotazione

Attraverso il grafico sottostante sarà possibile visionare la quotazione in tempo reale del caffè. Nel caso in cui la situazione sembrasse favorevole, sarà possibile ottenere immediatamente un conto di trading gratuito con Capital.com e fare Trading Caffè.


Perché fare Trading del Caffè?

Il caffè è davvero così interessante in termini di investimenti? Nonostante le titubanze iniziali, i chicchi di caffè hanno iniziato a stuzzicare l’interesse di traders in tutto il mondo.

Innanzitutto, tale commodity rientra tra i safe heaven a cui far riferimento. Nel momento in cui i mercati vivono crisi economiche o fasi d’incertezza, è importante per gli investitori possedere dei beni rifugio che non risentono di tali problematiche.

Inoltre, è un ottimo assets per diversificare ed equilibrare il proprio wallet, conferendogli una maggiore liquidità. Dunque, il Trading Caffè è una scelta valida sia per traders improntati al lungo termine che per day-traders i quali operano su base giornaliera.

In entrambi i casi, è importante avere il supporto di un broker regolamentato come Trade.com: il primo passo per investire sul caffè e avere concrete chances di imporsi sul mercato.

Trading Caffè: previsioni 2020 

I maggiori analisti hanno individuato la causa del crollo dei prezzi del caffè nella domanda/offerta. Il Brasile sembra non aver risposto sufficientemente alla domanda, causandone un eccesso e, di conseguenza, si è registrato un enorme calo nei prezzi di scambio.

Tuttavia, forse il mercato è in ascesa dopo ben 5 anni: gli esperti più ottimisti prevedono prezzi pari a 1.10 dollari; i pessimisti $0.90.

Sul lungo termine, al contrario, dai 2 ai 5 anni il mercato del caffè potrebbe rivelarsi più redditizio del previsto, se il clima e le esportazioni permetteranno.

Tuttavia, è bene ricordare che si tratta di previsioni e dati statistici; non si possono avere dati certi quando si punta ad un mercato così volatile.

Per rigirare a proprio favore caratteristiche come queste, ti consigliamo di iniziare dal pacchetto formativo di Trade.com ed acquisire le conoscenze necessarie per evitare errori.

Trading Caffè: considerazioni finali

Il caffè si è rivelata una delle commodities più rilevanti del settore, soprattutto se si considera la portata che tale alimento ha per la popolazione mondiale.

In effetti, la richiesta di chicchi di caffè sarà sempre elevata, contribuendo a rendere la soft commodity una delle più scambiate dai traders online, insieme al cacao.

Come abbiamo visto durante la guida, questo asset è tanto liquido quanto soggetto a variazioni giornaliere di prezzo. Questo significa dover utilizzare strumenti che consentono di consentono di approfittare anche dei movimenti laterali di mercato: i CFD. 

Scegliendo broker ben inseriti nel settore come Capital.com, eToro e Trade.com anche i traders in erba potranno mettersi alla prova e fare Trading Caffè con sicurezza e senza temere truffe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guidatradingonline.net © 2016-2020 Guidatradingonline.net - Guida completa per imparare a fare trading online.